Don Carlos: Una bibliografia ragionata..per quanto possibile!

Bibliografia ragionata per quanto sia possibile di questi tempi

Costruire una bibliografia è un processo lento e difficile (e, soprattutto, sempre provvisorio). Quella sul  Don Carlos, in base alla funzione didattica che può assolvere, rappresenta un’intersezione di numerosi insiemi : quello dei testi sulla vita e le opere di Verdi; quello delle varie storie della musica e del melodramma; quello dei testi sull’età di Filippo II; quello sul Romanticismo e Schiller; quello sui temi che possiamo isolare nell’opera).

La difficoltà maggiore sarà quella della scelta: la bibliografia diventa utile se non si basa sulla quantità dei volumi, ma sulla loro funzionalità. Ogni suggerimento da parte dei docenti sarà il benvenuto.

Storie della musica

MASSIMO MILA, Breve storia della musica, Torino, Einaudi, 1963 (molte le edizioni successive), un classico e interessante profilo di storia della musica di un grande appassionato verdiano.

M.BARONI, E. FUBINI, P. PERUZZI, P. SANTI, G. VINAY, Storia della musica, Torino, Einaudi, 1988, ampia panoramica dedica a Verdi un capitolo molto interessante per la contestualizzazione della sua opera.

FABRIZIO DELLA SETA, Italia e Francia nell’Ottocento, Storia della musica a cura della Società Italiana di Musicologia, vol. IX, Torino, EDT, 1993, interessante ricostruzione del quadro storico, politico, ma anche sociale della fortuna del melodramma italiano e dei suoi rapporti con la cultura francese (utile per il Don Carlo).

Sul genere vi segnaliamo le opere più recenti:

FRANCO DORSI, GIUSEPPE RAUSA, Storia dell’opera italiana, Milano, Mondadori, 2000.

VITTORIO COLETTI, Da Monteverdi a Puccini. Introduzione all’opera italiana, Torino, Einaudi, 2003

GLORIA STAFFIERI, Un teatro tutto cantato. Introduzione all’opera italiana, Roma, Carocci, 2012

Le monografie su Verdi sono molte. Fra queste vi segnaliamo:

FRANCO ABBIATI, Giuseppe Verdi, Milano, Ricordi, 1959 (4 voll.) che è la storica e prestigiosa ricostruzione della vita del compositore grazie al largo ricorso ai carteggi.

JULIAN BUDDEN, Le opere di Verdi, Torino, EDT edizioni, 1988 (3 voll.), esaustivo e notevole studio su tutta l’opera di Verdi (il volume sul Don Carlos è il terzo)

GIAMPIERO TINTORI, Guida all’ascolto di Verdi, Milano, Mursia, 1981, come tutti i volumi della collana, quello su Verdi introduce alle vicende biografiche e alla sinossi delle singole opere.

MASSIMO MILA, Verdi, Milano, Rizzoli, 2000, splendida raccolta scandita per temi: La concezione drammatica di Verdi; La musica verdiana;Verdi nella storia e nell’arte; La giovinezza di Verdi; Profili di opere.

Carteggi

GIUSEPPE VERDI, Autobiografia dalle lettere, a cura di Aldo Oberdorfer,  Milano, Rizzoli, 2006, interessante ricostruzione della vita del nostro attraverso lettere, note, immagini.

GIUSEPPE VERDI, Lettere, Torino, Einaudi, 2012, splendida (e costosa) edizione di una scelta di lettere del maestro, corredata da ampio apparato di note e spiegazioni.

Specificamente sul Don Carlo vi segnaliamo

MARINA MAYRHOFER, Appunti sul Don Carlos, Roma, Aracne editrice, 2009, resoconto di una serie di lezioni universitarie sull’opera.

PAOLO CECCHI, Temi politici nel Don Carlos da Schiller a Verdi, articolo che trovate su internet, un po’ specifico, ma molto interessante.

 

Il libretto è reperibile su internet, ma anche all’interno di GIUSEPPE VERDI, Tutti i libretti d’opera, Roma, Newton Compton, 2001

Per quanto riguarda più in generale i libretti d’opera vi consigliamo la lettura dell’introduzione di due volumi:

Libretti d’opera italiani dal Seicento al Novecento a cura di Giovanna Gronda e Paolo Fabbri, Milano, Mondadori  1997 (prima edizione nella collana i Meridiani)

Il teatro italiano, vol. V, Il libretto del melodramma dell’Ottocento, toma secondo, a cura di Cesare Dapino, introduzione di Folco Portinari, Torino, Einaudi, 1984

Contesto storico delle vicende narrate nell’opera

FERNAND BRAUDEL, Civiltà e imperi del Mediterraneo nell’età di Filippo II, Torino, Einaudi,  2002 (la prima edizione italiana fu del 1953), monumentale ricostruzione della vita ai tempi di Filippo II e delle vicende storiche che coinvolsero il Mediterraneo, saggio avvincente e impegnativo, ma che spiega molto bene la cultura materiale dell’epoca.

L’uomo barocco, a cura di ROSARIO VILLARI, Bari, Laterza, 1998, raccolta di saggi che ben disegnano l’orizzonte del Seicento, secolo nel quale appieno s’inscrive la personalità di Filippo II.

ROSA GIORGI, Il Seicento, Milano, Electa, 2006, illustratissima guida all’arte di quel secolo

E. H. GOMBRICH, Il mondo dell’arte, Milano, Mondadori, 1952, ha un capitolo molto interessante sulla crisi della fine del Cinquecento

Schiller e il romanticismo

Ci limitiamo a segnalarvi che:

Il Don Carlos di Schiller è insieme a I masnadieri e Maria Stuarda in edizione Garzanti, Milano, 2000

GEORGE STEINER, La morte della tragedia, Milano, Garzanti, 1999, splendido saggio ricchissimo di spunti (parla specificatamente di Schiller)

ISAIAH BERLIN, Le radici del Romanticismo, Milano, Adelphi, 2001, testo citato nella lezione introduttiva dal noto studioso Leonardo Bucciardini.

 

Alcuni film possono aiutare a ricostruire l’ambientazione

La Regina Margot

Elisabeth

Elisabeth the golden age

Shakespeare in love (altri film in costume tratti dalle opere di Shakespeare)

I pirati

L’avaro di Molière (quello con Alberto Sordi)

 

Vi suggeriamo inoltre di partire dal Don Carlos per approfondire temi e percorsi interdisciplinari consigliati.

Articoli simili