Diffondere l’Informatica nelle scuole

di Luciano Pietronero*

L’introduzione delle tecnologie multimediali nella didattica è un processo ormai in atto da diversi anni. Le ingenti risorse di fondi pubblici destinati ad accrescere le dotazioni informatiche degli istituti scolastici, attraverso programmi pluriennali che hanno incluso anche attività di formazione, hanno in parte compensato una grave carenza, anche se oggi si pone il problema di mantenere aggiornate queste strutture e disporre di adeguate connessioni in rete a livello geografico.

Con il “Piano Nazionale di Formazione dei Docenti sulle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione” (2003-2004) il Ministero della Pubblica istruzione ha realizzato una delle più vaste iniziative a livello europeo, mirata a favorire una maggiore efficacia nell’utilizzo delle nuove tecnologie nel mondo della scuola. Affinché queste iniziative abbiano un effetto più duraturo è necessario che la realtà scolastica venga coinvolta costantemente in iniziative e progetti promossi a livello nazionale e locale.

La creazione di un “Portale Ragazzi” come strumento di ausilio e promozione per lo svolgimento di progetti didattici, rappresenta, nell’ambito dell’area fiorentina, un’importante iniziativa nella quale enti locali, istituti educativi ed enti privati, nello specifico il Comune di Firenze, l’Istituto degli Innocenti e l’Ente Cassa di Risparmio, mettono in campo in maniera coordinata le proprie competenze e risorse per realizzare percorsi didattici per le scuole.
La partecipazione del CNR (Istituto dei Sistemi Complessi ed Istituto di Struttura della Materia – area della Ricerca di Roma – Tor Vergata) in questo progetto, porta un ulteriore valore aggiunto e realizza anche un’importante collegamento a livello istituzionale facendo si che investimenti significativi realizzati su piattaforme on-line per il supporto alla didattica e la navigazione sicura, abbiano immediate ricadute in ambito locale, quindi in quello più vicino agli “utenti finali”.
Maggiore impatto assume questa collaborazione se si considera che parte degli strumenti utilizzati in questo progetto sono stati sviluppato nell’ambito di un progetto sulla navigazione sicura per i ragazzi (EDEN – Educazione Didattica per la E-Navigation) finanziato dalla Commissione europea (DG Information Socity and Media) attraverso il programma “Safer Internet”.

Tutto questo pone il Portale Ragazzi come un’iniziativa pilota a livello nazionale che, per quanto riguarda la parte di utilizzo di strumenti on-line e supporto per la navigazione sicura, si affianca ed estende le altre iniziative già programmate dal progetto EDEN.

*Professore Ordinario di Fisica dei Solidi

Universtità degli Studi di Roma ” Sapienza”,
Direttore dell’Istituto dei Sistemi Complessi del CNR

Articoli simili