Educazione News Primo Piano

Centri Estivi per l’inclusione: oltre 400 ragazze/i partecipanti tra sport e didattica

21 Set 2020

Con l’inizio della scuola si sono conclusi i Centri Estivi per l’inclusione, sostenuti dal Comune di Firenze con il contributo di Fondazione CR Firenze e realizzati da quattro enti educativi del territorio.

I Destinatari

Centro Metropolis, Upd Isolotto, Ass. Il Paracadute di Icaro e Ass. Differenze Culturali hanno progettato percorsi di inclusione, rivolti a ragazzi/e dai 3 ai 17 anni in diverse aree della città.

I progetti hanno coinvolto 403 partecipanti, di cui molti in situazione di fragilità e 27 con disabilità, rappresentando un’occasione unica di recupero di socialità e di integrazione, in vista della riapertura delle scuole dopo la pandemia.

Le attività

Programmi ricchi di attività che hanno portato allo svolgimento 1215 ore totali di cui il 40% di sport e giochi all’aperto, 25% di didattica e recupero abilità 5% di nuove tecnologie 15% di laboratori manuali 20% di teatro e danza e musica.

Il monitoraggio condotto da PortaleRagazzi.it ha evidenziato come l’esperienza dei Centri Estivi per l’Inclusione sia stata positiva sia per gli enti proponenti che per gli educatori, oltre che per le famiglie.

Le opportunità

Per le associazioni il Centro Estivo ha rappresentato una buona occasione di promozione sul territorio e di ampliamento potenziale del bacino di utenza delle proprie attività (solo cinque partecipanti avevano già aderito a iniziative degli enti proponenti).
Inoltre ha contribuito a rafforzare i rapporti con i servizi socio assistenziali del quartiere ed ad approfondire e ampliare le proprie proposte educative, aprendole all’utenza dei bisogni speciali.

Per gli educatori è stata allo stesso tempo una sfida e un’occasione di crescita, come riporta uno degli educatori del Centro Metropolis :”Quest’anno il nostro centro estivo ha avuto ancora di più una spinta verso la crescita professionale nostra e dei nostri ragazzi, poter ospitare Bambini con qualche difficoltà ha reso veramente completo il nostro centro”,

Per le famiglie è stato un aiuto logistico e un momento formativo importante, come testimonia un genitore: “I ragazzi si sono divertiti molto e hanno fatto nuove amicizie, non vedono l’ora di poter rivivere un altro centro estivo come quello di quest’anno, in un momento così delicato per i nostri figli“.


CONDIVIDI:

Iscriviti

Newsletter

Rimani aggiornato con le ultime notizie di PortaleRagazzi.it

Accetto la Privacy policy