Incursioni Liriche Urbane

Flash mob e lezioni di canto open air danno vita a performance dove i ragazzi sono protagonisti

Tra le iniziative promosse da Fondazione CR Firenze, per festeggiare i 25 anni di attività, corre l’obbligo di menzionare, per rilevanza educativa e grande apprezzamento da parte del pubblico (oltre 1.000 presenze), Incursioni liriche urbane. La manifestazione, patrocinata dai Comuni di Firenze, Sesto Fiorentino e Scandicci, si è articolata in cinque eventidiretti da Venti Lucenti, e ha visto la partecipazione di 300 studenti di 5 scuole secondarie: Liceo Classico “Michelangelo”, Liceo Scientifico “Castelnuovo” e Istituto “Elsa Morante/Ginori Conti (Firenze); I.I.S.S. “Piero Calamandrei” (Sesto Fiorentino); Istituto Statale d’Istruzione Superiore “Bertrand Russell – Isac Newton” (Scandicci).

Sabato 14 ottobre, nella piazza antistante il Centro Richard Rogers di Scandicci, è stata rappresentata La Traviata, quinto e ultimo evento. La Redazione di PortaleRagazzi, prima che lo spettacolo avesse inizio, ha intervistato Daniele Bacci, presidente di Venti Lucenti e ideatore della manifestazione, e raccolto qualche testimonianza.

All'Opera Incurisoni Liriche Urbane

Cominciamo dagli studenti. Morena ed Eleonora, dopo averci confessato di non aver mai assistito a un’opera lirica, quando però gli chiediamo se sanno dov’è nata l’opera, con prontezza rispondono: “Si certo, in Italia”. Pietro ci racconta di essere stato all’opera appena due giorni prima. È quindi la volta di Andrea che ci “rivela” di aver cominciato a conoscere l’opera alle medie, partecipando “All’opera”, progetto da molti anni realizzato da Venti Lucenti in collaborazione con “Le Chiavi della Città”, Fondazione Maggio Fiorentino e PortaleRagazzi.

Mancano ormai pochi minuti all’inizio dello spettacolo, mentre gli studenti riprendono posto nell’aula “open air”, raggiungiamo Daniele e gli chiediamo: Com’è nato e qual era l’obiettivo del progetto? “Incursioni Liriche Urbane nasce dall’idea di mettere in scena un’opera, in spazi pubblici, facendo interagire gli studenti con attori e musicisti professionisti. L’obiettivo, riaccendere l’interesse dei ragazzi under 18 nei confronti dell’opera lirica – che è uno dei pilastri della cultura italiana – facendoli essere protagonisti”.

La performance ha inizio. A noi della redazione non resta che ritirarci di buongrado; ma, mentre stiamo silenziando i telefonini, si avvicinano dal pubblico due signori. Antonio, che in modo lapidario ci dice: “Trovo che questa iniziativa sia davvero una figata!; e Andrea, il quale ci racconta che dopo aver assistito alla rappresentazione della Carmen, a Firenze, in piazza della Repubblica, ha deciso di venire ad assistere anche la rappresentazione de La Traviata a Scandicci.

Un’ora dopo, finisce lo spettacolo, tutti sono entusiasti, Daniele è felice, noi ci avviciniamo e prima di salutarlo gli chiediamo: “Quali sono le prossime iniziative in programma? E lui: “A gennaio mettiamo in scena la Carmen al Teatro Goldoni e ad aprile il Barbiere di Siviglia al Teatro dell’Opera. Entrambe le rappresentazioni fanno parte del progetto “All’Opera”, ed è possibile partecipare in veste di attori o come pubblico ”.

pillola_incursioni from PortaleRagazzi.it on Vimeo.