Piccole storie di animali per: colori, suoni, mani, odori

Destinatari: scuola dell’infanzia e le prime tre classi della scuola primaria

Referente: Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze
Coordinamento scientifico:  Paola Pacetti (p.pacetti@comune.fi.it), con Marco Salvucci
Sede Palazzo Vecchio
Web: www.palazzovecchio-museoragazzi.it

{jkefel kefelui=[tabs] title=[SCHEDA DESCRITTIVA]}

Tutti sanno che gli animali sono parte della vita della Terra in ogni suo luogo; molti oggi sono consapevoli dell’esistenza di specie animali minacciate di estinzione per la scomparsa rapida dei loro habitat;  non pochi si preoccupano del forte incremento della popolazione umana che implica uno sfruttamento degli animali marini e non a fini alimentari  di proporzioni tali da compromettere in un futuro prossimo l’attuale equilibrio già precario;  taluni  si battono anche per la salvaguardia della dignità di vita e di morte degli animali allevati per essere cibo o pellicce per gli esseri umani o test per farmaci o prodotti di cosmesi o, ancora, come fornitori di generi di lusso.

Esistono poi fiorenti mercati del giocattolo, dell’editoria, del cinema, dei videogiochi, dei programmi televisivi,  dei fumetti, ecc. che negli animali hanno uno dei loro principali  soggetti di produzione: animali, come noi, specchio degli esseri umani. E nelle case di molti di noi vivono animali domestici, cani, gatti, conigli, uccelli, ecc.

L’animale è inseparabile dagli esseri umani. E come gli uomini hanno una storia, così anche gli animali hanno una loro storia strettamente legata a quella dell’uomo e da questa determinata. Con questo anno scolastico cominciamo a proporre alcune di queste storie, a partire dagli animali – moltissimi – che sono raffigurati nella decorazione di Palazzo Vecchio. Piccole storie di 2 animali ogni anno. Ma non si può dire quali saranno gli animali perché la storia è costruita per scoprire, poco alla volta, attraverso molti indizi sensoriali, chi sono i protagonisti. Storie di animali a sorpresa, da ascoltare con parole e suoni, annusare, toccare.

CHE COSA SI FA  
nel  Museo di Palazzo Vecchio: i bambini dialogano con l’animatore che racconta la  storia di  due animali da identificare con parole, immagini, suoni, odori e oggetti tattili. Segue la visita nel palazzo alla ricerca dei 2 animali protagonisti delle storia

{jkefel title=[INFORMAZIONI UTILI]}

Come prenotare
le prenotazioni si effettuano dal 15 settembre 2010 a maggio 2011, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per prenotare è necessario telefonare al call centre educativo dell’Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze al numero 055 2616788, dal lunedì al venerdì, nell’orario 9.30-13.00 e 14.00-16.30, o inviare una mail a didattica.museoragazzi@comune.fi.it
    
Costi
dal 1 ottobre 2010 al 31 gennaio 2011 il costo per partecipare a ogni attività di laboratorio è di 1,50 euro a bambino, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito L’obiettivo è quello di incentivare la fruizione dei beni culturali nei mesi di cosiddetta bassa stagione, soprattutto al fine di offrire alla scuole un servizio di migliore qualità rispetto a quello che può essere erogato durante i mesi di intensa fruizione dei musei e della città da parte dei turisti. Dal 1 febbraio 2011 il costo di partecipazione a bambino nei musei è di 2 euro, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito


Durata: un’ora e dieci minuti

Orari: mercoledì e giovedì alle 9.30 e 10.45

Periodo: da gennaio a giugno 2011

{/jkefel}