Piattaforme contro il bullismo: anche FB scende in campo

In questi giorni Facebook, in collaborazione con Save the Children, Telefono Azzurro e Yale Center for Emotional Intelligence, ha lanciato un piattaforma per la prevenzione e la sicurezza sul web e sui social con un’attenzione particolare anche al bullismo ed al cyberbullismo https://www.facebook.com/safety/bullying. La piattaforma è ospitata all’interno del dominio di Facebook e da una parte si rivolge a ragazzi ed adulti (genitori ed educatori) “Fermiamo il bulllismo” per spiegare, prevenire e fornire consigli contro il bullismo ed il cyberbullismo, dall’altra si collega al “Centro della sicurezza e della privacy” per gli account del social ed al “Centro Assistenza”  che contiene anche una pagina dedicata al “Supporto e prevenzione contro il suicidio”

Un’azione dovuta e completa in ambito di “navigazione sicura e consapevole del web”,  dopo che per anni i socialnetwork (ed in particolare Facebook) sono stati criticati per la mancanza di tutela della privacy e di politiche per la tutela dei minori, delle loro immagini e della loro sensibilità.

Tuutavia c’è un “ma “. Al di là dell’esaustività e della semplicità delle informazioni che cercano di coprire tutti i casi del complesso panorama della sicurezza e prevenzione online, i contenuti e le casistiche sembrano per lo più riferite al mondo di Facebook che, sebbene sia il social più conosciuto e utilizzato del mondo, da solo non esaurisce il web.

Per questo vogliamo ricordare che Portale Ragazzi già dall’anno scolastico 2015/16 ha sostenuto il progetto e la community NO Trap “liberi dal bullismo”, in collaborazione con Ebico coop. soc. e Dip. Scienze della Formazione e Psicologia UNIFI. Il progetto, oltre  a fornire strumenti di conoscenza e prevenzione del bullismo e cyberbullismo, ruota intorno ad una comunità di “pari” i cui sono i ragazzi stessi ,a deguatamente formati da psicologi, a fare da primo supporto ai ragazzi vittime dirette o indirette di bullismo.

Un’esperienza che ha condotto a risultati significativi illustrati oggi nel convegno  KiVa  e NO Trap! Convegno sul cyberbullismo   presso l’Università degli studi di Firenze.