Il laboratorio di tecnologie spaziali per tutti

Il 18 maggio 2019, è iniziata la campagna di crowdfunding per la creazione, all’Osservatorio Polifunzionale del Chianti – UNIFI di SPACELAB.

Primo laboratorio in Italia di tecnologie spaziali aperto a tutti, a cominciare dai ragazzi, anche portatori di handicap. SPACELAB consentirà di fare gli stessi esperimenti degli astronauti e di collegarsi via Radio-TV con la ISS – Stazione Spaziale Internazionale

Collegarsi con gli astronauti della ISS – Stazione Spaziale Internazionale e condurre i loro stessi esperimenti grazie a stampanti 3D e strumentazioni all’avanguardia: sono solo alcune delle finalità di SPACELAB, un percorso educativo ideato da Amici dell’OPC e Osservatorio Polifunzionale del Chianti, che unisce scienza, arte e natura, volto alla formazione di ragazzi, insegnanti e famiglie mediante l’apprendimento diretto.

SPACELAB è anche il nome della campagna di crowdfunding iniziata sabato 18 maggio sulla piattaforma di crowdfunding Eppela [https://www.eppela.com/it/projects/23742-spacelab-educarealfuturo] che terminerà il 26 giugno.

A corollario della campagna verranno realizzati una serie di “eventi di raccolta fondi” per grandi e piccini.

SPACELAB è realizzato all’interno dell’iniziativa Social Crowdfunders: percorso di crescita delle organizzazioni non profit, ideato da Siamosolidali.it, progetto di Fondazione CR Firenze, in collaborazione con la cooperativa Feel Crowd; promosso dall’Università degli Studi di Firenze e dall’Unione Comunale del Chianti Fiorentino, e ha come partner Kayser Italia.

In occasione del lancio della campagna di crowfunding, che terminerà il 26 giugno, Gabriele  Gori, Direttore Generale di Fondazione CR Firenze ha dichiarato:

La Fondazione crede fortemente nello  strumento  del  crowdfunding”. Questa è la terza edizione del bando Social Crowdfunders che mette a disposizione non solo risorse economiche,  ma anche un  kit  di  servizi  fondamentali  per  la  buona  riuscita  della  campagna. Ci auguriamo che l’obiettivo di SPACELAB sia sempre più condiviso e che questa sfida venga vinta al meglio”.

Per scaricare la brochure, clicca qui