Giardino bagnato, giardino fortunato

giardino villa bardiniTra le manifestazioni collegate alla IV edizione del Premio internazionale ambientalista Il Monito del Giardino, che quest’anno ha come tema “Acqua al Futuro”, la mattina di domenica 2 giugno il giardino di Villa Bardini accoglierà bambini dagli 8 ai 10 anni per un percorso di un’ora tra i fiori, gli alberi e le fontane per parlare loro dell’importanza dell’acqua nella vita del pianeta.

giardino villa bardiniTra le manifestazioni collegate alla IV edizione del Premio internazionale ambientalista Il Monito del Giardino, che quest’anno ha come tema “Acqua al Futuro”, la mattina di domenica 2 giugno il giardino di Villa Bardini accoglierà bambini dagli 8 ai 10 anni per un percorso di un’ora tra i fiori, gli alberi e le fontane per parlare loro dell’importanza dell’acqua nella vita del pianeta. A guidare questo percorso istruttivo, breve ma molto salutare, saranno due operatori dell’Associazione Firenze Sottosopra secondo il programma descritto di seguito.

I genitori che vorranno accompagnare i loro figli nella visita avranno, come i loro figli, l’ingresso gratuito al giardino e potranno visitare la mostra in Villa Bardini ad un prezzo speciale.

 “GIARDINO BAGNATO, GIARDINO FORTUNATO”

Presentazione


La natura invia segnali quasi sempre ignorati, ma che rivelano il suo stato di salute, compromesso dalle attività, ma anche dall’indifferenza e dall’inconsapevolezza degli uomini … Questo il principio ispiratore del premio “Il Monito del Giardino”, giunto alla sua IV edizione sul tema “Acqua al futuro”. Tra le altre iniziative (elencate a parte) gli organizzatori hanno voluto che di questo argomento si parlasse anche ai bambini.


giardino fortunatoQuale scenario migliore del Giardino Bardini – rigoglioso polmone verde nel centro della città – per avvicinare i piccoli al fondamentale rispetto della natura e, in particolare, dell’acqua, una delle risorse più preziose che essa ci offre?


Durante il percorso, i bambini ammireranno fontane monumentali, efficaci esempi di uso virtuoso dell’acqua, e insieme all’effige di Stefano Bardini – simpatico e burbero padrone di casa – rifletteranno sulle cause per le quali “il mondo ha sete” e su quello che ciascuno di noi può fare per porvi rimedio.

Informazioni tecniche:

Data: domenica 2 Giugno

Luogo: Giardino Bardini, via dei Bardi n. 1/r

Tipologia dell’attività: percorso animato da un pupazzo e da un operatore.

Destinatari: bambini delle classi III-IV-V della scuola primaria.

Durata: 40 minuti ca.

Obiettivo. Prendendo spunto dalla considerazione che “il mondo ha sete soprattutto perché ha fame” – riflettendo cioè sull’impatto ambientale che determinati consumi alimentari e stili di vita comportano – sensibilizzare i bambini al rispetto della natura e, in particolare, dell’acqua, il bene più prezioso che essa ci offre, contribuendo così alla loro trasformazione da semplici consumatori a cittadini attivi e consapevoli.

Articolazione dei tempi: l’attività sarà replicata in 3 turni (max 30 partecipanti a turno) che avranno inizio rispettivamente alle h 10, 11 e 12.

  • attività offerta dalla Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron ed a cura dell’associazione culturale ‘Firenze sottosopra’ (firenzesottosopra@gmail.com)

Articoli simili