Alla tavola del Duca di Firenze

Destinatari: seconda classe della scuola secondaria di primo grado

Referente: Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze
Programma in collaborazione: con  Unicoop
Coordinamento scientifico: Massimo Marcolin (ricerca.museoragazzi@comune.fi.it) ed Elisabetta Stumpo
Sede: in Palazzo Vecchio
Web: www.palazzovecchio-museoragazzi.it
 

{jkefel kefelui=[tabs] title=[SCHEDA DESCRITTIVA]}

Quali erano gli alimenti consueti delle famiglie ducali di Cosimo I; Francesco I e Ferdinando I de’ Medici? E come erano imbandite tavole? Quante potevano essere le portate? Erano diversi gli accostamenti di gusti e sapori rispetto alle nostre abitudini alimentari? Quali erano le differenze fra colazione, pranzo e cena? L’attività suggerisce alcune risposte a queste domande e consente anche di scoprire come le scadenze imposte dal calendario diventassero altrettante occasioni per trasformare il banchetto rinascimentale in una vera e propria messa in scena a tema, sontuosa e meravigliosa, dove la vista doveva trarre in inganno il gusto.

CHE COSA SI FA
nel  Museo di Palazzo Vecchio: ricostruzione della civiltà della tavola grazie a un multimediale iconografico e alla visione di spezzoni tratti da film storici, quindi dialogo con l’animatore per confrontare i pranzi importanti nel nostro presente (i banchetti di matrimonio, le feste di compleanno, il pranzo di Natale) con analoghe occasioni del passato.

{jkefel title=[INFORMAZIONI UTILI]}

Come prenotare
le prenotazioni si effettuano dal 15 settembre 2010 a maggio 2011, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per prenotare è necessario telefonare al call centre educativo dell’Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze al numero 055 2616788, dal lunedì al venerdì, nell’orario 9.30-13.00 e 14.00-16.30, o inviare una mail a didattica.museoragazzi@comune.fi.it

Costi
dal 1 ottobre 2010 al 31 gennaio 2011 il costo per partecipare a ogni attività di laboratorio è di 1,50 euro a ragazzo, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito L’obiettivo è quello di incentivare la fruizione dei beni culturali nei mesi di cosiddetta bassa stagione, soprattutto al fine di offrire alla scuole un servizio di migliore qualità rispetto a quello che può essere erogato durante i mesi di intensa fruizione dei musei e della città da parte dei turisti. Dal 1 febbraio 2011 il costo di partecipazione a ragazzo nei musei è di 2 euro, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito

durata: un’ora e trenta minuti

orari: giovedì e venerdì alle 9.30 e 11.00

periodo: da ottobre 2010 a giugno 2011

{/jkefel}