La geografia del mondo antico

La geografia degli antichi nasce nel mondo della letteratura: Omero ed Esiodo, con i loro poemi epici ricchi di minuziose descrizioni geografiche, sono considerati i capostipiti di questa disciplina. Ma è in periodo romano, anche se prevalentemente a  opera di scienziati greci – come Tolomeo e Strabone – che la conoscenza del mondo occidentale registra i suoi progressi più marcati.

Novità

destinatari: per le ultime due classi della scuola primaria

referente: Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze
programma in collaborazione con: Ente Cassa di Risparmio di Firenze – Portale Ragazzi
(www.portaleragazzi.it)
coordinamento scientifico: Massimo Marcolin  (ricerca.museoragazzi@comune.fi.it) ed Elisabetta Stumpo, Museo dei Ragazzi di Firenze; Alessandra Cavallini, Portale Ragazzi – Ente Cassa di Risparmio di Firenze
sede: in classe
web: www.palazzovecchio-museoragazzi.it

{jkefel kefelui=[tabs] title=[SCHEDA DESCRITTIVA]}

La geografia degli antichi nasce nel mondo della letteratura: Omero ed Esiodo, con i loro poemi epici ricchi di minuziose descrizioni geografiche, sono considerati i capostipiti di questa disciplina. Ma è in periodo romano, anche se prevalentemente a  opera di scienziati greci – come Tolomeo e Strabone – che la conoscenza del mondo occidentale registra i suoi progressi più marcati.

La descrizione degli itinerari marittimi, i peripli dei marinai greci, si arricchisce di annotazioni etnografiche, fisiche, storiche, naturalistiche. In età imperiale il mondo conosciuto sembra davvero a portata di mano e il mare su cui avevano tracciato le rotte le navi fenicie, greche e romane – il Mediterraneo – è diventato il mare nostrum.

L’attività ripercorre, attraverso le diverse concezioni del mondo nell’arco di dieci secoli, lo sviluppo della scienza geografica presso gli antichi, fra viaggi che toccano luoghi mitici come Atlantide, spedizioni militari, rotte commerciali, fondazioni di colonie e conquista di nuovi territori.

 

CHE COSA SI FA
laboratorio in classe: con il supporto di un multimediale iconografico si propone ai ragazzi di rivivere l’atmosfera che si respirava sulle coste del mare nostrum, scoprendo che – se restavano non ben definiti i confini orientali e meridionali delle terre conosciute – l’Europa , l’Africa mediteranea e l’Asia minore era delineati nelle mappe con grande precisione.

 

{jkefel title=[INFORMAZIONI UTILI]}

Come prenotare
Le prenotazioni si effettuano dal 15 settembre 2010 a maggio 2011, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per prenotare è necessario telefonare al call centre educativo dell’Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze al numero 055 2616788, dal lunedì al venerdì, nell’orario 9.30-13.00 e 14.00-16.30, o inviare una mail a didattica.museoragazzi@comune.fi.it


Durata        
tre ore al mattino (per due classi), due ore al pomeriggio (per una classe)
 

Orari                             
martedì alle 09.30 e 14.00
mercoledì alle 09.30 e 14.00
venerdì alle 9.30

periodo        
da gennaio a giugno 2011

Attività gratuita

Indicazioni particolari    
L’attività al mattino può essere prenotata solo da due classi in contemporanea. L’attività richiede la presenza di un ambiente adeguato per le proiezioni

 

{/jkefel}