Stilisti nel tempo, con Barbie

Abiti di oggi e Rinascimento a confronto

Destinatari: per le classi quarte e quinte della scuola primaria e per le classi della scuola secondaria di primo grado

Referente: Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze
In collaborazione con: Barbie (logo),Decobel (logo), Joker (logo)
Coordinamento scientifico: Paola Pacetti con Alberto Galliganie e Ilaria Guccerelli (i.guccerelli@comune.?.it)
Sede: in Palazzo Vecchio
Web: www.palazzovecchio-museoragazzi.it
 

{jkefel kefelui=[tabs] title=[SCHEDA DESCRITTIVA]}

Barbie, forse la bambola più famosa del nostro mondo, e Mastro Agostino Sario da Gubbio, il sarto della corte di Cosimo I, si misurano, si confrontano e si scontrano come stilisti. Sono attivamente assistiti dal pubblico che partecipa all’attività: bambini e ragazze sono infatti chiamati a realizzare un abito maschile e uno femminile capaci di interpretare il meglio fra molte possibilità tratte dall’immaginario Barbie e dalla ritrattistica del Cinquecento ?orentino.

CHE COSA SI FA
Nel Museo di Palazzo Vecchio: le ragazze e i ragazzi potranno realizzare abiti impossibili, che scaturiscono anche dalla dimensione dei sogni e della fantasia. Ma, anche in questo caso, come sempre, giocando si pensa e si ri? ette e si scoprono le diversità fra le culture e i mondi. Forse, dopo questo piccolo viaggio nel paese straniero che è il passato, si guarderà il nostro abbigliamento attuale con altri occhi.

{jkefel title=[INFORMAZIONI UTILI]}

Come prenotare
le prenotazioni si effettuano dal 15 settembre 2010 a maggio 2011, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per prenotare è necessario telefonare al call centre educativo dell’Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze al numero 055 2616788, dal lunedì al venerdì, nell’orario 9.30-13.00 e 14.00-16.30, o inviare una mail a didattica.museoragazzi@comune.fi.it.
 

Costi
dal 1 ottobre 2010 al 31 gennaio 2011 il costo per partecipare a ogni attività di laboratorio è di 1,50 euro a bambino, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito L’obiettivo è quello di incentivare la fruizione dei beni culturali nei mesi di cosiddetta bassa stagione, soprattutto al fine di offrire alla scuole un servizio di migliore qualità rispetto a quello che può essere erogato durante i mesi di intensa fruizione dei musei e della città da parte dei turisti. Dal 1 febbraio 2011 il costo di partecipazione a bambino nei musei è di 2 euro, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito

Durata: due ore
Periodo: da ottobre 2010 a giugno 2011
Orario: giovedì alle 9.30 e 11.30

{jkefel title=[VIDEO]}

{/jkefel}