Favola della tartaruga con la vela

Destinatari: per la scuola dell’infanzia e le prime due classi della scuola primaria

Referente: Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze
Programma in collaborazione con: Giotto Fila
Coordinamento scientifico: Paola Pacetti (p.pacetti@comune.fi.it) con Marco Salvucci
Sede: in Palazzo Vecchio
Web: www.palazzovecchio-museoragazzi.it
 

{jkefel kefelui=[tabs] title=[SCHEDA DESCRITTIVA]}

Nella ricca decorazione di Palazzo Vecchio compaiono molti stemmi, di diverse epoche storiche, sia sulla facciata che nelle sale. Ma, oltre agli stemmi, nei dipinti, sui soffitti e nei pavimenti si trovano anche le imprese di Cosimo I de’ Medici e di altri membri della famiglia. In particolare, il duca Cosimo aveva, fra le sue imprese, una particolare predilezione – a partire dalla guerra contro Siena –  per la tartaruga con la vela, che è rappresentata innumerevoli volte nei dipinti, nei pavimenti, nei soffitti del Palazzo. Perché una tartaruga che ha sul carapace una vela gonfiata dal vento, accompagnata dal motto latino festina lente?

E chi meglio di una tartaruga può raccontare questa storia  che comincia nel Mugello, fra le ville medicee del Trebbio e di Cafaggiolo, quando una piccola tartaruga viene salvata da morte certa sulla strada.

Per ringraziare ci ha regalato un racconto antico: “Ti sono davvero grata e per mostrartelo ti voglio raccontare la favola preferita della mia bisnonna, la Storia della Tartaruga con la vela, l’amica del Duca Cosimo I de’ Medici che è stato signore di Firenze tanto tanto tempo fa, quando su questa strada correvano veloci non le macchine, ma i cavalli, montati da abili cavalieri. Ascoltami con attenzione perché è una bella storia che parla di velocità e di lentezza, di tenacia e di saggezza, di un bambino che diverrà Duca e di una tartaruga che sarà dipinta mille volte nel Palazzo più importante di tutta Firenze: Palazzo Vecchio”.

Terminata la storia, i bambini si cimenteranno in una “caccia alla tartaruga” che si svolge nelle diverse sale della Reggia di Cosimo.

CHE COSA SI FA
nel  Museo di Palazzo Vecchio: partecipazione al racconto teatralizzato grazie a un dvd multimediale ed esplorazione delle Sale del Museo a caccia delle tartarughe con la vela

 

{jkefel title=[INFORMAZIONI UTILI]}

Come prenotare
le prenotazioni si effettuano dal 15 settembre 2010 a maggio 2011, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per prenotare è necessario telefonare al call centre educativo dell’Associazione Museo dei Ragazzi di Firenze al numero 055 2616788, dal lunedì al venerdì, nell’orario 9.30-13.00 e 14.00-16.30, o inviare una mail a didattica.museoragazzi@comune.fi.it
 

Costi
dal 1 ottobre 2010 al 31 gennaio 2011 il costo per partecipare a ogni attività di laboratorio è di 1,50 euro a bambino, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito L’obiettivo è quello di incentivare la fruizione dei beni culturali nei mesi di cosiddetta bassa stagione, soprattutto al fine di offrire alla scuole un servizio di migliore qualità rispetto a quello che può essere erogato durante i mesi di intensa fruizione dei musei e della città da parte dei turisti. Dal 1 febbraio 2011 il costo di partecipazione a bambino nei musei è di 2 euro, mentre gli accompagnatori hanno diritto all’ingresso gratuito


Durata: un’ora e dieci minuti

Orari: lunedì e martedì alle 9.30 e 10.45

Periodo: da ottobre 2010 a giugno 201

{jkefel title=[TRAILER]}

{/jkefel}