Cittadini d’Italia; primi passi della Toscana nello Stato unitario

cittadini d'italiaAnche PortaleRagazzi celebra il 150° anniversario dell’Unità d’Italia contribuendo, con un corredo di percorsi di navigazione multimediale, alla mostra educational “Cittadini d’Italia; primi passi della Toscana nello Stato unitario” che sarà inaugurata, all’Archivio di Stato di Firenze, il prossimo 1° ottobre.

cittadini d'italiaAnche PortaleRagazzi celebra il 150° anniversario dell’Unità d’Italia contribuendo, con un corredo di percorsi di navigazione multimediale, alla mostra educational “Cittadini d’Italia; primi passi della Toscana nello Stato unitario” che sarà inaugurata, all’Archivio di Stato di Firenze, il prossimo 1° ottobre.

L’esposizione, che sarà visitabile fino al 20 dicembre 2011, (lunedì/venerdì 9-13 e 14-18; sabato 9-13 – Viale Giovine Italia, 6) intende illustrare e ripensare i momenti cruciali ed i personaggi che favorirono (o si opposero al) l’unione della Toscana all’Italia. Una sorta di laboratorio partecipato per riflettere sulla stagione risorgimentale e la sua eredità di contenuti. La mostra, organizzata dall’Archivio di Stato di Firenze con il contributo di Regione Toscana, Comune di Firenze ed Ente Cassa di Risparmio di Firenze, è rivolta anche alle scuole grazie al progetto ‘Le chiavi della città’ e sarà arricchita da applicazioni come il gioco multimediale Telemaco l’archivista, un laboratorio online e numerosi incontri ed eventi paralleli.

Un gioco di luci e ombre accompagnerà il visitatore attraverso il percorso espositivo per consentirgli di inquadrare quel fenomeno ampio e complesso che fu il Risorgimento, in Toscana, attraverso una selezione significativa di alcune tessere del mosaico documentario. In primo luogo si potrà seguire lo snodarsi del cambiamento istituzionale dalla fuga del granduca all’adesione della Toscana al nuovo Stato d’Italia. In particolare lo sguardo sarà appuntato sullo svolgimento del plebiscito. Nel settore ‘La nobiltà toscana’ saranno proposti i documenti che aiutano a definire le nuove chances, ma anche i rischi che si posero nelle scelte esistenziali di alcuni personaggi della nobiltà di corte.

Una attenzione particolare sarà inoltre dedicata ai volontari toscani nella sezione ‘Da sudditi a cittadini’. I documenti restituiscono anche immagini di una mobilitazione femminile, di una adesione ‘virtuale’ delle donne al plebiscito, della partecipazione di volontarie garibaldine. Non possono mancare le testimonianze di quelli che furono i primi passi, dell’Archivio centrale di Stato di Firenze nel nuovo contesto italiano. Nel settore ‘L’archiviazione del passato’ saranno riproposte le tracce delle vicende e dei progetti che animarono l’Istituto. Infine, un campione di francobolli, timbri postali, monete e menu gastronomici illustrerà la circolazione di immagini e di nuovi sapori attraverso l’Italia unita.

L’allestimento espositivo è curato dagli allievi dell’Accademia di belle arti. Installazioni ed elaborati degli studenti del Liceo Artistico di Porta Romana integrano il percorso espositivo documentario.