Associazione Musicale LIbERENOTE

liberenoteNata da un’idea del M.° Marco Papeschi per la diffusione della cultura musicale, l’Associazione musicale LIbERENOTE è stata fondata , per la necessità e la volontà di rappresentare, promuovere e sviluppare il frutto di un lavoro di ricerca ormai ventennale, nel campo della produzione artistica e didattica.

 

{tab=Presentazione}

 

LIbERENOTE è un’associazione fiorentina ad alto livello culturale che attinge alla decennale esperienza del suo direttore artistico Marco Papeschi, che è riuscito a rendere sempre più complementari la formazione musicale e la produzione artistica. Questi, infatti, è promotore di numerose iniziative rivolte sempre più alla realtà cittadina per coinvolgere, avvicinare e unire il “fare arte” con la spontaneità ed il contributo di bambini, giovani e adulti.


E’ con questa prerogativa che è nato, diciassette anni fa, lo Stage per Giovani Musicisti e Attori. I partecipanti vivono un’esperienza unica nel suo genere: dieci intensi giorni immersi totalmente nella messa in scena di un’opera teatrale, amalgamando versante musicale, coreografico e scenografico e rendendoli artefici e protagonisti del “farsi” della rappresentazione.


La collaborazione fra l’Assessorato alla Pubblica Istruzione di Firenze e Marco Papeschi inizia nel 2001, con l’inserimento ne Le Chiavi della Città di un progetto, ideato e condotto da Papeschi e ispirato proprio al lavoro e alla filosofia di pensiero dello stage.
Nasce così la rassegna Teatro Musica Insieme, che offre alle scuole fiorentine progetti di attività in sede scolastica, che hanno, come presupposto fondamentale, quello di coinvolgere gli studenti delle scuole aderenti in un percorso di apprendimento creativo, che trova il suo completamento nello spettacolo finale, ospitato fino a 2007 al Teatro della Pergola di Firenze.


L’esperienza maturata attraverso il lavoro svolto in seno a Le chiavi della Città, allo Stage per Giovani Musicisti e Attori, a progetti dedicati alle singole realtà scolastiche e a molte altre attività portate a termine in collaborazione con enti privati e pubblici, ha fatto sì che LIbERENOTE sia riuscita a mettere a fuoco una precisa offerta per le scuole basata sul Teatro-Musicale.
Crediamo che il Teatro-Musicale rappresenti una miniera preziosa in cui si trovano spunti per lo sviluppo di percorsi didattici che aprono all’interdisciplinarietà, oltre che offrire ad ognuno la possibilità di identificarsi in una particolare area formativa.

LIbERENOTE  e la storia di ricerca in campo didattico e artistico, che essa rappresenta, ha in più la peculiarità di aver sempre studiato percorsi di apprendimento basati sul learning by doing che ha come esito finale l’evento artistico, calibrati e confezionati su misura per le tante e diverse realtà in cui ci siamo trovati ad operare.

Le quattordici opere di Teatro-Musicale prodotte in seno allo Stage per Giovani Musicisti e Attori e allo Stage Guardare la Musica, che LIbERENOTE adesso rappresenta ed organizza e che si svolgono ormai da 17 anni, hanno rappresentato, nessuna esclusa, materiale didattico vivo che ha trovato applicazione nella scuola pubblica, tanto in progetti impegnativi quali “Le Chiavi della Città”, che prevedevano l’impegno di centinaia di studenti, quanto in progetti circoscritti ad una sola scuola e a poche decine di studenti. Dallo scorso anno scolastico 2006/2007 Marco Papeschi ha dato vita a una nuova manifestazione dedicata alle scuole fiorentine che si è affiancata a Le Chiavi della Città: CHI E’ DI SCENA! – Rassegna di teatro musicale per i bambini dai bambini

 

{tab=Metodo di lavoro}

 

Il lavoro svolto ha messo in evidenza i principali filoni di applicazione di quello che potrebbe essere definito il Metodo LN:
   1) Attività corale
   2) Attività orchestrale
   3) Recitazione
   4) Danza e movimento
   5) Studio e realizzazione della componente scenica (costumi, scenografie, luci, regia, ecc…)

1) Attività corale:
La pratica corale intesa come intervento didattico sulla voce e le varie problematiche che si presentano nell’esecuzione vocale di un brano.
Dizione, comprensione e analisi del testo, caratterizzazione, respirazione, emissione e qualità della voce, controllo della dinamica.

2) Attività orchestrale:
Alfabetizzazione strumentale da zero degli studenti che desiderassero cimentarsi nella pratica di uno strumento, qualsiasi esso sia, ma anche nella condivisione con coetanei di questa esperienza.
L’attività orchestrale non va intesa solo nel senso dell’applicazione in ensemble di una pratica canonica dello studio di uno strumento, ma anche nella semplice attività ed esecuzione di insieme, con strumenti diversi, a prescindere dal livello tecnico raggiunto.
In altre parole la preziosa esperienza socializzante di condivisione strumentale in cui ognuno partecipa facendo ciò che sa fare.

3) Recitazione:
Riteniamo molto importante coinvolgere i giovani in un percorso che esplori le potenzialità espressive attraverso l’uso della voce e del corpo.
La recitazione intesa come espressione strumentale della voce, liberazione di pensieri e interpretazione di un testo.
Comprensione del copione in quanto traccia da assimilare e riesporre in modo autonomo, rispettando i concetti, ma nella piena libertà di gestire sempre più autonomamente la scelta del linguaggio e dell’esposizione.

4) Danza e movimento:
Un discorso simile a quanto fatto per la recitazione.
Usare il proprio corpo in funzione di ciò che si vuole rappresentare ed esprimere, uscendo dal concetto classico di danza (un po’ quello che si è detto riguardo alla pratica strumentale) per concentrarsi più sull’idea di movimento.
Movimento in funzione della messa in scena generale, movimento legato ad un particolare evento scenico, in ogni caso in sintonia con le caratteristiche fisiche, di preparazione ed espressive di che …….. si muove.

5) Studio e realizzazione della componente scenica (costumi, scenografie, luci, regia, ecc…):
Si è rivelato prezioso e stimolante in passato dedicare una sezione del lavoro a quei giovani che avessero piacere di cimentarsi nell’ideazione, ma anche nella realizzazione pratica di scene e costumi
Questa attività consente a chi non si sente in grado o comunque non ha intenzione di apparire in palcoscenico, di ricoprire un ruolo comunque fondamentale alla realizzazione dello spettacolo.
E’ deleterio cercare di convincere o obbligare giovani senza esperienza a cantare o recitare se non hanno istintivamente il desiderio di farlo.
Conviene avvicinarli al palcoscenico in altro modo, in attesa che da loro parta un segnale diverso di partecipazione.
Il lavoro creativo e manuale necessario allo studio e realizzazione di costumi e scenografie si è rivelato spesso appagante e rispettoso dei tanti caratteri individuali.

 

{tab= Principali attività svolte}

 

Stage per Giovani Musicisti e Attori

Oltre a rivolgersi alle scuole fiorentine con proposte che riguardano attività didattica per le scuole pubbliche elementari e medie inferiori che si svolgono e si attuano durante l’anno scolastico, dal 2006 LIbERENOTE si è affiancata alla Scuola  Musicale di Bertinoro D. Alighieri nell’organizzazione dello “Stage per Giovani Musicisti e Attori”, dedicato a piccoli strumentisti, coristi, attori, scenografi e costumisti che si svolge all’inizio di settembre.


Lo Stage, dedicato a bambini dai 7 ai 14 anni, provenienti da tutta Italia, è ormai giunto alla sua 18° edizione e quest’anno sarà ospitato per la seconda volta nella Cittadella del Carnevale di Viareggio.

Obiettivo dello Stage è quello di costruire un’opera da tutti i punti di vista (musicale, coreografico, scenografico, scenico) e rappresentarla pubblicamente al termine dei dieci giorni di lavoro. Lo Stage si propone di impegnare i piccoli partecipanti con una “full immersion” durante i quali la musica, lo strumento musicale, la danza e la voce (cantata e recitata) sono gli elementi che caratterizzano e influenzano la stessa esperienza umana della convivenza. Infatti l’evento teatrale e musicale rappresenta il filo conduttore della giornata, ne scandisce gli orari, le riflessioni, il percorso didattico, ludico e di socializzazione. E’ un’esperienza completa che lascia una traccia indelebile in tutti coloro che vi partecipano.


Lo Stage nasce per creare: vengono create musiche originali, adattate di volta in volta agli strumentisti presenti, vengono scritti libretti e vengono create soprattutto occasioni di nuova cultura.


Rappresenta ormai la manifestazione più importante che esiste in Italia per i bambini e è sotto l’egida dell’UNICEF, che ha riconosciuto nel programma elementi fondamentali di crescita didattica e artistica e di vera utilità sociale.

Nella sua 17° edizione, che si è tenuta per la prima volta a Viareggio, dopo cinque anni che lo stage si era svolto a Cortona,  è stata prodotta un’opera dedicata alla tradizione irlandese:
Pooka, Storie di un bosco, liberamente tratta dalle vicende di un folletto di nome Pooka narrate da W.B. Yeats. Testi di G. Esposito, musiche D. Fensi e S. Nanni in collaborazione con i Whisky Trail.

La 18° edizione si è svolta a Camaiore tra il 27 agosto e il 7 settembre. Per dodici giorni circa 90 ragazzi si sono impegnati nella preparazione di Scacchi, libretto di Giovanni Esposito da un’idea di Marco Papeschi e Giovanni Esposito con liriche di Letizia Fuochi e Marco Papeschi, musiche di Stefano Nanni.

Stage “Guardare la musica”

Allo Stage  per Giovani Musicisti e Attori si è affiancato dal 2005 lo Stage Guardare la Musica, dedicato ai ragazzi dai 14 ai 17 anni,  che si è tenuto a luglio presso la Villa Buri Bernini di Verona e che da quest’anno sarà ospitato dal comune di Moena (Trento).
Nato da una costola dello Stage per Giovani Musicisti e Attori, proprio per offrire ai ragazzi che hanno raggiunto il “limite di età” la possibilità di proseguire questa  poliedrica e stimolante esperienza, “Guardare la Musica” esplora il mondo in cui immagine e musica si incontrano per diventare complementari in un’opera in cui i ragazzi riconoscono il ruolo della musica in quanto colonna sonora.
Così nascono le prime opere in cui al film inedito si abbina in totale simbiosi una partitura altrettanto nuova.
Lo spettacolo finale vede, quindi, in palcoscenico l’orchestra formata dai giovani partecipanti allo Stage che esegue le musiche dell’opera in sincronia con la proiezione del film.
Le opere prodotte sono state:

  • luglio 2005        SU DUE RUOTE
  • luglio 2006    D’ENERGIA, montaggio del filmato Carlo Fatigoni e Bruno de Franceschi, musiche di  Bruno de Franceschi, orchestra dello Stage “Guardare la musica” diretta da Marco Papeschi
  • luglio 2007    O. – D’AMOR DI MUSICA E GIUSTEZZA, film ideato e realizzato da Jacopo Spinei e Tommaso Bomboloni, musiche di Davide Fensi, orchestra dello Stage “Guardare la musica” diretta da Marco Papeschi
  • luglio 2008        CIADINA, una storia in ladino con testi e poesie di Stefano

dell’Antonio, musiche di Davide Fensi, riprese di Marco Foresti e Duccio Ricciardelli, che ne è anche il regista, montaggio di Marco Bartolini, orchestra dello Stage “Guardare la musica” diretta da Marco Papeschi

Rassegna di teatro musicale CHI E’ DI SCENA – I ed. anno scolastico 2006/2007

Nell’anno scolastico 2006/2007 la Rassegna teatrale CHI E’ DI SCENA, sostenuta per il suo primo anno di vita da ETI e Assessorato alla Pubblica Istruzione del Comune di Firenze, ha visto coinvolte  14 scuole (circa 600 giovani) e ha trovato la sua prestigiosa conclusione nell’evento tenutosi al Teatro della Pergola il 20, 21 e 22 aprile durante il quale sono state messe in scena cinque opere:

Pippo il Crucco, testi di Marco Papeschi, musiche di Davide Fensi e regia di Marco Papeschi

La Parrucca di Mozart, testi Lorenzo Cherubini (Jovanotti), musica di Bruno de Franceschi e regia di Marco Papeschi

D’Energia, musiche di Bruno De Franceschi, video e montaggio di Carlo Fatigoni.

Motu Iti, testi di Roberti Piumini, musica di Bruno De Franceschi e regia di Marco Papeschi

I grattacapi della Marchesa, testi di Ferruccio Adriano Botto, musiche di Davide Fensi e regia di Ferruccio Adriano Botto.

Rassegna di teatro musicale CHI E’ DI SCENA – II ed. anno scolastico 2007/2008

Se nella prima edizione le opere messe in scena al Teatro della Pergola erano state cinque con un coinvolgimento di circa seicento bambini, per il 2008 l’Associazione ha deciso di osare di più con la preparazione di sette opere e con un coinvolgimento di circa settecento alunni di otto scuole fiorentine. Grazie al contributo della Regione Toscana, dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, dello sponsor Monnalisa S.p.A. e il patrocinio dell’Istituto degli Innocenti, la II edizione di CHI E’ DI SCENA si è tenuta al Teatro Verdi tra il 27 e il 30 aprile 2008. Queste le opere in cartellone:

Orfeo, l’ultimo spartito, testi Marco Papeschi e Stefania Vasetti, musiche e liriche Alberto Giglioni

Processo alle intenzioni, la rivoluzione degli oggetti, testi Marco Papeschi e Laboratorio Teatrale Dino Compagni, musiche Davide Fensi

Sognando Happy Days, testi Marco Papeschi e Laboratorio Teatrale Masaccio-Calvino-Don Milani, musiche I più famosi temi degli anni ’60-’70

Pirati,  testi Bruno de Franceschi, musiche Remo Vinciguerra
       
Motu – Iti, teatro in musica di Roberto Piumini, musiche di Bruno De
       Franceschi
      
Amore, follia e morte a Notre Dame,  testi  Marco Papeschi e Laboratorio
Teatrale Dino Compagni in collaborazione con “… Noi…Gli Artisti Senza     Nome…”

POOKA, Storia di un Bosco , testi Giovanni Esposito, musiche Davide Fensi e Stefano Nanni in collaborazione con i Whisky Trail

In seno alla rassegna il Direttore dell’Associazione, Marco Papeschi, ha deciso di creare un’occasione per parlare sul tema del teatro musicale, ma soprattutto per riflettere sul fatto che questa esperienza didattica ed artistica avviene nella scuola pubblica, organizzando il:

  • I Convegno nazionale: “Il teatro musicale: dalle scuole al palcoscenico” che si è tenuto il 29 aprile presso l’Istituto degli Innocenti.


Una giornata che si è svolta all'insegna di una densa discussione su argomenti che possiamo dire fondessero gli aspetti musicale, teatrale, pedagogico, strutturale e comunicativo. I relatori invitati hanno animato il dibattito con contributi importanti, congedandosi tutti nella comune intenzione di proseguire l’iniziativa intrapresa da Liberenote.
Sono intervenuti: Alessandra Maggi, Presidente dell’Istituto degli Innocenti, Paolo Cocchi, Assessore al Turismo, Cultura e Commercio della Regione Toscana, Daniela Lastri, Assessore alla Pubblica Istruzione del Comune di Firenze, Alberto Moreni a nome dell’Ufficio regionale scolastico per la Toscana, Sandra Landi, Direttrice del Nucleo territoriale dell’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo dell’Autonomia Scolastica (ex IRRE), Domenico Cingari, Dirigente scolastico delle Scuole Poliziano-Guicciardini, Anna Molli, Psicoterapeuta dell’età infantile Modello Tavistock, Flora Gagliardi, docente del Conservatorio Cherubini di Firenze, Roberto Piumini, poeta e scrittore, Andrea Basevi, compositore e docente conservatorio, Brunella Clerici, Direttrice del Coro di Voci Bianche Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana,, Patrizia Ercole, attrice e pedagogista, Roberta Paraninfo, Direttrice del Genova Vocal Ensemble dell'Accademia Vocale di Genova,  Loredana Perissinotto, Presidente Associazione Agita Teatro, Carla Poesio, critica letteratura per ragazzi,  Teresa Porcella, esperta letteratura per ragazzi e Remo Vinciguerra, compositore.

Rassegna di teatro musicale CHI E’ DI SCENA – III ed. anno scolastico 2008/2009

E’ in preparazione la III ed. della Rassegna CHI E’ DI SCENA che sarà messa in scena  al Teatro Sachall nei giorni 20-22 e 25-27 maggio 2009. Le opere che verranno rappresentate sono le seguenti:

  • Scacchi”, da un’idea di Marco Papeschi, testi di Giovanni Esposito, liriche di Letizia Fuochi e Marco Papeschi, musiche di Stefano Nanni.

 

  • Galileo… Contro il portar la toga”,libretto di Marco Papeschi e Stefania Vasetti, Canzoni di Marco Papeschi, Musiche di Davide Fensi e Bandabardò

 

  • Reality”, Libretto di Marco Papeschi e Leonardo Cammunci. Canzoni di Marco. Papeschi. Musiche di Claudio Teobaldelli

 

  • Diario”, Libretto di Marco Papeschi. Canzoni di Marco Papeschi. Musiche di Davide Fensi

 

  • Colori”, Libretto e canzoni di Marco Papeschi  Musiche di Giacomo Aloigi e Magic Candle Corporation

 

  • Il Circo delle emozioni”, Libretto e canzoni di Ursula Caporali. Musiche di Davide Fensi


 Sogno di una notte di mezza estate, liberamente tratta dall’omonima opera di William Shakespeare, musiche di Gian Marco Gualandi

 

{tab=Enti pubblici }

LIbERENOTE con gli enti pubblici

 

Comune di Firenze:

2005
In seno al Settembre Pedagogico 2005, organizzato dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione di Firenze, LIbERENOTE ha presentato nel salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio una versione ridotta di Pirati (libretto di Bruno de Franceschi e musiche di Remo Vinciguerra), in quanto anteprima del lavoro che si sarebbe svolto con le scuole fiorentine e che sarebbe andato in scena al Teatro della Pergola nell’ambito de Le Chiavi della Città.
L’evento ha rappresentato il concerto di apertura dell’anno scolastico.

Anno scolastico 2005/2006
Nell’ambito de Le Chiavi della Città LIbERENOTE ha messo in scena l’11 aprile 2006 al Teatro della Pergola l’opera Pirati con il coinvolgimenti di cinque scuole fiorentine elementari e medie
A questa rappresentazione è seguita il 20 aprile la gita-tournée all’isola d’Elba 2006 con spettacolo di Pirati, dedicato a tutte le scuole pubbliche dell’isola presso il Teatro napoleonico dei Vigilanti di Portoferraio.
A conclusione di un percorso didattico con gli studenti della scuola “Masaccio – Calvino – Don Milani” il 4 giugno 2006 presso il Centro Culturale Il Faro è stato messo in scena il Sogno di una notte di mezza estate, opera di teatro musicale in atto unico molto liberamente tratta dal libretto di William Shakespeare, musiche di Gian Marco Gualandi.
Lo spettacolo è stato replicato l’8 giugno 2006 presso l’Ospedale Meyer.

Anno scolastico 2006/2007
Rassegna CHI E’ DI SCENA – I Edizione, Teatro della Pergola 20, 21 e 22 aprile 2007. Performance di tre giorni durante i quali sono state messe in scena ben cinque opere di Teatro Musicale che ha visto impegnati circa 600 bambini e 40 docenti di scuole primarie e secondarie di primo grado a cui ha assistito un pubblico di circa 4000 persone.

Comune di Viareggio:

17° edizione dello Stage per Giovani Musicisti e Attori
19° edizione dello Stage per Giovani Musicisti e Attori
Viareggio ospita la manifestazione mettendo a disposizione La Cittadella del Carnevale per la messa in scena dello spettacolo di fine Stage

Comune di Camaiore:

18° edizione dello Stage per Giovani Musicisti e Attori.

Comune di Verona:

1°, 2° e 3° edizione dello Stage “Guardare la Musica”.
Dal 2005 Verona ha ospitato lo Stage permettendo la rappresentazione di tre opere nel Parco di Villa Buri Bernini.

Comune di Modena:

4° e 5° edizione dello Stage “Guardare la Musica”.

Comune di Torino:

Il primo dicembre 2006 lo spettacolo D’ENERGIA è stato ospitato nell’ambito del Festival di cinema per ragazzi SOTTODICIOTTO, presso il Teatro Regio di Torino, dove ha riscosso grande consenso e assicurato la presenza futura alla manifestazione.
Il 4 dicembre 2007 lo spettacolo O – D’AMOR DI MUSICA E GIUSTEZZA, nuova produzione dello Stage Guardare la Musica, è stato ospitato dal Festival.
L’appuntamento con SOTTODICIOTTO si rinnova anche nel 2008 con la replica il 2 dicembre di CIADINA, che i ragazzi dello Stage Guardare  la Musica avevano messo in scena in luglio a Moena.

Regione Toscana:

In occasione del Meeting di San Rossore il 18 luglio 2007 LIbERENOTE ha portato a Pisa lo spettacolo O – D’AMOR DI MUSICA E GIUSTEZZA

II edizione Rassegna di teatro musicale per bambini dai bambini CHI E’ DI SCENA 2008 – Teatro Verdi 27-30 aprile

III edizione Rassegna di Teatro Musicale per bambini dai bambini CHI E’ DI SCENA 2009 – Teatro Saschall 20-22 e 25-27 maggio 2009

Forum per l'Educazione Musicale

Dal giugno 2008 l’Associazione ha aderito al Forum per l’Educazione musicale i cui principali obbiettivi sono: 1) creare un tavolo permanente di confronto e coordinamento e per la promozione condivisa di iniziative/progetti di rilevanza nazionale ed internazionale; 2) costituire un punto di riferimento anche nelle sedi istituzionali per il sostegno di iniziative a favore della musica come fattore educativo/formativo (tavoli permanenti, audizioni, iniziative legislative ecc.)


CORO LIbERENOTE


Il Coro dei bambini di LIbERENOTE canta a fianco della Rock Opera nel musical Jesus Christ Superstar in scena al Teatro Saschall di Firenze il 3 e a gennaio 2009.


LIbERENOTE e le aziende private:

Dal 2005 Liberenote si è avvalsa di una partnership importante che è Monnalisa S.p.A, atelier per bambine. Tale collaborazione si è concretizzata nella compartecipazione di Monnalisa agli Stage, all’attività sulla città di Firenze e nello spettacolo “Su due Ruote”, rappresentato alla Pergola il 20 gennaio 2006, ufficialmente in cartellone nel programma di PITTI BIMBO come “Evento Culturale di Pitti 2006”.

Altre aziende, come IL PAPIRO, I PROFUMI DELL’ELBA o MOKAMAG, si sono affacciate all’attività di Liberenote, disponibili a sostenerla con competenze specifiche di grande qualità.

 

{tab=Sede} 

 

LIbERENOTE in sede:

a)organizzazione di corsi collettivi riguardanti:

  • propedeutica musicale, avviamento al mondo dei suoni, basandosi su un approccio ludico, consenta di sviluppare e favorire il senso del ritmo, del canto, del movimento
  • teatro musicale, l'espressività attraverso la voce e il movimento

dedicato a piccoli e grandi

  • scrittura creativa, teatrale, il testo va in scena..
  • la scrittura musicale al computer, programmi, stratagemmi, come e perchè?


b)organizzazione corsi individuali di:
–  pianoforte,
– chitarra
–  violino
– percussioni


c) Formazione dell’Orchestra d’archi LIbERENOTEClassic con lo scopo di dare a tutti i partecipanti la possibilità di vivere l’esperienza della pratica musicale d’insieme e di arricchire le conoscenze tecnico-musicali individuali. Il suo primo debutto a Cortona lo scorso agosto 2006 nell’ambito di “Estate nelle valli tra Toscana e Umbria” organizzato dal Comune di Cortona; sono seguiti  un concerto alla Breda di Pistoia durante un “Open Day” dell’Azienda, e un altro nei locali dell’O.D.A di Sesto Fiorentino in occasione dell’inaugurazione della nuova piscina per i ragazzi down.

Corsi LIbERENOTE nella Scuola “Dino Compagni” di Firenze

d)Corsi di strumento: pianoforte, violino, flauto traverso, chitarra, percussioni (classiche e moderne), violoncello, fisarmonica
e)Corsi collettivi Junior (minimo 4 bambini)
f)Corsi di propedeutica musicale, avvicinamento al mondo dei suoni e della musica per la fascia 7-10 anni
g)TAM TAM – progetto dedicato al mondo delle percussioni determinate e indeterminate
h)L.T.M. Laboratorio Teatro Musicale

{/tabs}